"ALHAMBRA": Corrado Cordova incontra "Safeminas"

Dall'incontro tra "Altamar" e "Arteinmovimento", prestigiosa realtà nell'ambito della danza, nasce un progetto che avvia  un dialogo profondo tra musica e danza.

Nell'ottica di una rivisitazione inedita di temi e sonorità mediterranee, tre danzatrici propongono una nuova chiave di lettura di musiche etniche e classiche.

Alessandra Pomata, diplomata presso il Teatro Nuovo di Torino nonché ballerina solista presso lo stesso, coreografa e insegnante e le bailaoras Ester Bucci e Sarah Sanna sono "Safeminas", dal sardo "sas feminas", le donne.

Alessandra Pomata
Ester Bucci


Sarah Sanna

Le Safeminas danzano sul repertorio di Corrado Cordova, coadiuvato dai poliedrici ed eccellenti musicisti Michele Salituro e Marco Marenco.
Esse sono movimento, percussione e voce all’unisono con i musicisti che ne scandiscono le passioni e i ritmi, attraverso un tempo e uno spazio a cavallo di secoli; gestualità, silenzi e soli così come le danze corali coinvolgono lo spettatore in un viaggio affascinante.

Il solo di Corrado Cordova, Rhapsody, ne conferma la bravura come chitarrista e compositore, già affermatasi con il cd Sentieri del Sud edito da Videoradio-Rai Trade.

In repertorio brani che vanno da "El ultimo tremolo" di A.M. Barrios a Tarantelle e Tammurriate in chiave contemporanea, al brano sardo "Sa lughe" fino agli ellenici "To yelasto pedi" e "Stalia Stalia", passando per la Spagna, percorrendo sentieri nuovi e affrontando tematiche attuali alla luce di una forte e carismatica presenza femminile.


Danzatrici
Alessandra Pomata
Ester Bucci

Musicisti
Corrado Cordova chitarra
Michele Salituro violino, mandolino, oud, bouzouki, percussioni
Marco Marenco mandolino, oud, bouzouki, chitarra

Video: Safeminas 
Dopo la prima rappresentazione del 13/04/2017 verrà pubblicato il Video ufficiale.

Prima rappresentazione: Mondovì (CN) Qui i dettagli

Info : 
associazione.altamar@gmail.com
safeminas@arteinmovimentogiaveno.it




Commenti

Post popolari in questo blog

Corrado Cordova e Sonia Alejos Molina al Festival dei Saraceni

Quando la Musica è autentica appartenenza culturale